chi siamo

Le responsabilità dei dipendenti e dirigenti pubblici dopo le modifiche al T.U.P.I. e i CCNL 2018-2020

Docente Avv. Donato Antonucci

Mese Settembre

Codice MePA fad200

Destinatari

Segretari Generali, Dirigenti e funzionari dei vari settori degli enti dei comparti Funzioni Locali, SSN e Università

Descrizione

Programma del corso:

Inquadramento generale

  • Fondamenti costituzionali ed elementi pubblicistici della responsabilità del dipendente
  • L'evoluzione delle fonti normative nel pubblico impiego e la loro incidenza sulla sfera delle responsabilità del dipendente e sul potere disciplinare del datore di lavoro pubblico sino alla “legge anticorruzione”, al “codice della trasparenza”
  • Le varie ipotesi di responsabilità ed i rapporti tra i vari tipi di responsabilità del dipendente pubblico: la plurioffensività della condotta: - la responsabilità civile (precontrattuale, contrattuale ed extracontrattuale); - la responsabilità penale alla luce della legge anticorruzione; - la responsabilità per danno erariale e la “sospensione” della colpa grave nel decreto “semplificazioni” n. 76/2020; - la responsabilità disciplinare (rinvio).
  • La responsabilità dirigenziale
  • I presupposti civilistici generali per l'esercizio della potestà disciplinare del datore di lavoro.
  • La natura giuridica del potere disciplinare nel pubblico impiego contrattualizzato dopo le recenti modifiche all'art.40 del T.U.P.I..
  • L'individuazione dei nuovi comparti di contrattazione e le previsioni in tema di responsabilità disciplinare dei CCNL sottoscritti il 12.02.2018 (comparto area “funzioni centrali”), il 21.05.2018 (comparti aree “funzioni locali” e “sanità”), il 08.07.2019 (dirigenza area “istruzione e ricerca”) il 19.12.2019 (area dirigenza “Sanità”) e il 09.03.2020 (area dirigenza “Funzioni centrali”) .
  • La cogenza delle norme in materia disciplinare per tutte le amministrazioni pubbliche.
  • Il nuovo art.54 del testo unico, il codice di comportamento governativo emanato col D.P.R. n.62/2013 e i codici di comportamento delle singole P.A..
  • Il collegamento tra codice di comportamento e piano anticorruzione (delibere ANAC n.831/2016, n.1208/2017 e n. 1064/2019 - III PNA).
  • La L. 179/2017 e la nuova tutela del whistleblowing (art.54-bis del testo unico).
  • La c.d. legge “spazza corrotti” n.3/2019.
  • Le previsioni della “legge concretezza” n.56 del 19.06.2019, in tema di prevenzione dell'assenteismo.

Approfondimento: il procedimento disciplinare: profili sostanziali e procedurali

  • La distinzione tra norme sostanziali e procedurali.
  • Le norme sostanziali in materia disciplinare: il codice di comportamento governativo e l'esigibilità della condotta del dipendente da parte del datore di lavoro pubblico.
  • Le singole previsioni del codice di comportamento governativo ed i codici di comportamento delle PP.AA. (i principi generali del codice di condotta; le regalie; l'attività associativa; la trasparenza negli interessi finanziari; l'obbligo di astensione; le attività collaterali; i doveri di imparzialità; i comportamenti nella vita sociale; i comportamenti in servizio; i rapporti con il pubblico; l'attività contrattuale; la valutazione dei risultati).
  • ll contratto collettivo nazionale e i codici disciplinari negoziali.
  • La responsabilità disciplinare del dirigente e le ulteriori ipotesi di responsabilità disciplinare e per tutti i dipendenti pubblici, il nuovo art.55.
  • Le modifiche all'art.55-bis: l'organizzazione dell'Ente per l'esercizio della funzione disciplinare, l'innovata ripartizione delle competenze in materia disciplinare e le nuove cadenze procedimentali.
  • Le sanzioni conservative e le sanzioni espulsive nel testo vigente e le previsioni della “riforma Madia”: il D.Lgs. n.116/2016 (decreto “furbetti”) e le prime modifiche all'art. 55-quater sulla falsa attestazione della presenza: - la ridefinizione del concetto di falsa attestazione; - l'immediata sospensione dal servizio; - il procedimento disciplinare accelerato; - la responsabilità per dirigenti e funzionari apicali per l'omessa sospensione e l'omesso avvio del procedimento disciplinare - le conseguenze sul piano penale e del danno erariale.
  • L'ampliamento delle sanzioni espulsive e le successive modifiche all'art.55-quater e 55-quinquies introdotte dal D.Lgs. 75/2017 e dal D.Lgs. 118/2017.
  • Le prospettive della “Riforma Buongiorno” : - dal badge alle rilevazioni biometriche: i limiti imposti dal GDPR per il trattamento dei dati personali; - i controlli a sorpresa; - il falso problema dell'assenteismo e la scarsa produttività della P.A..
  • I rapporti tra procedimento disciplinare e procedimento penale le previsioni della L.n.69/2015, le modifiche all'art.55-ter e le nuove previsioni dei CCNL 2018.
  • Le misure cautelari in pendenza del procedimento disciplinare.
  • Le misure cautelari in pendenza del procedimento penale.
  • La ripresa e la riapertura del procedimento disciplinare all'esito del procedimento penale.
  • La tutela giudiziale del dipendente licenziato dopo il D.Lgs. 75/2017: le modifiche dell'art.18 St. Lav. e il nuovo art.63 T.U.P.I..

Orario di Svolgimento:

Inizio webinar ore 9.00 - Fine Webinar ore 13.00

Costo del corso:

La quota è di € 200,00 per ciascun partecipante (codice mepa: fad200). Per richiedere preventivi personalizzati contattare la segreteria organizzativa. Gli importi si intendono al netto dell’Iva se dovuta. Se la fattura è intestata ad Ente Pubblico, la quota è esente Iva, ai sensi dell’art. 10 del DPR 633/72, giusto richiamo dell’art. 14 c.10 della L.537/93.

Le sedi

Webinar Online

Le sessioni

FORMAZIONE IN HOUSE

Invalid Input
Valore errato
Valore errato
Valore errato
Valore errato
Valore errato
Invalid Input
Valore errato
Valore errato
Valore errato
Valore errato

Bisogno di informazioni?

Chiamaci allo 095 437045 oppure contattaci tramite il form

Contattaci